Lasciar vivere gli ibridi di oche selvatiche
#OcheSelvaticheLibere
Il Reach rappresenta il numero di utenti unici che potenzialmente hanno visto il nostro messaggio. Il calcolo viene effettuato sommando i follower degli utenti che hanno twittato la campagna, gli amici degli utenti che si sono connessi alla piattaforma tramite Facebook Connect, più coloro che hanno visualizzato l’adv online e coloro che hanno visto la nostra campagna grazie alle azioni di comunicazione tradizionale (cifra stimata).
Reach
IT
destinatario
Beatrice Draghetti
Presidente della Provincia di Bologna
Campagna creata da Alessio Nanni
Stop al piano di abbattimento delle oche selvatiche!
Fai la tua parte. C'è bisogno del tuo aiuto!
agisci
Tu cosa ne pensi?
Condividi la tua opinione con gli altri supporter!
Dettagli campagna

La popolazione di oche selvatiche è di norma migratrice ma molti nuclei, introdotti nell'ultimo ventennio - spiegano da Palazzo Malvezzi, con un post sul portale dell'ente - hanno assunto abitudini pressoché sedentarie e condividono habitat particolarmente idonei con animali allevati a scopo ornamentale o alimentare, quali le oche cignoidi e le oche del Canada. La presenza deli animali ibridi ed esotici, nel 2014, è stimata in 200 capi su una popolazione complessiva di oche che nei censimenti invernali ha contato 2.000 esemplari. Questa compresenza "moltiplica le occasioni e le possibilita' di ulteriori ibridazioni, con conseguente inquinamento del patrimonio genetico della forma selvatica e modifiche del comportamento - continua il post - che diventa meno elusivo nei confronti dell'uomo". Quest'ultima conseguenza "comporta anche una crescente frequentazione delle colture agricole e quindi una maggiore entità dei danni provocati da questa specie", sottolinea la Provincia. Questi gli importi liquidati per danni causati da oche selvatiche e ibride sulle colture di grano, orzo e mais negli ultimi anni: 19.867 nel 2011, 3.440 nel 2012 e 9.159 nel 2013. Da qui la decisione di avviare un piano di abbattimento, da attuare per un mese all'anno, precisamente dal 20 settembre al 20 ottobre, prima dell'insediamento dei contingenti migratori. Ma si potrebbero ipotizzare soluzioni diverse. Chiediamo di revocare il piano, visto che le normative prevedono tutta una serie di tentativi alternativi all' abbattimento!

Commenti
Sei Beatrice Draghetti?
Vuoi contattarci in riferimento ai messaggi che stai ricevendo? Vuoi rispondere pubblicamente agli utenti di MegaShouts? Manda una email a
Crowdfunding
Contribuisci alla promozione della campagna
Sei Beatrice Draghetti?
Vuoi contattarci in riferimento ai messaggi che stai ricevendo? Vuoi rispondere pubblicamente agli utenti di MegaShouts? Manda una email a
agisci