Sbloccare gli stipendi dei dipendenti statali
#contrattostatali
Il Reach rappresenta il numero di utenti unici che potenzialmente hanno visto il nostro messaggio. Il calcolo viene effettuato sommando i follower degli utenti che hanno twittato la campagna, gli amici degli utenti che si sono connessi alla piattaforma tramite Facebook Connect, più coloro che hanno visualizzato l’adv online e coloro che hanno visto la nostra campagna grazie alle azioni di comunicazione tradizionale (cifra stimata).
Reach
@matteorenzi
IT
destinatario
Matteo Renzi
Presidente del Consiglio dei Ministri
Campagna creata da luigi solletti
Tolga il blocco ai dipendenti statali, il congelamento dei contratti dura dal 2010! Trovi le risorse tagliando i costi della politica!
Fai la tua parte. C'è bisogno del tuo aiuto!
agisci
Tu cosa ne pensi?
Condividi la tua opinione con gli altri supporter!
Dettagli campagna

In questo momento di crisi le risorse per sbloccare i contratti a tutti non ci sono”, ha dichiarato il Ministro della pubblica amministrazione Marianna Madia, confermando il congelamento dei contratti per i dipendenti pubblici anche per il 2015. La situazione, ormai insostenibile, va avanti dal 2010. Secondo i calcoli della Cgil i dipendenti pubblici perderanno in media, a causa del blocco dei contratti, se esteso fino al 2015, 4.800 euro, 600 dei quali nel prossimo anno. Fino al 2014 i mancati aumenti valgono i 4.200 euro. Ma davvero spendiamo troppo per i dipendenti pubblici? L’Eurispes ha calcolato che in Italia la spesa per il pubblico impiego grava per l’11,1 per cento sul Pil, meno che in Francia (13,4), Spagna (11,9), Gran Bretagna (11,5 per cento).

Commenti
Sei Matteo Renzi?
Vuoi contattarci in riferimento ai messaggi che stai ricevendo? Vuoi rispondere pubblicamente agli utenti di MegaShouts? Manda una email a
Crowdfunding
Contribuisci alla promozione della campagna
Sei Matteo Renzi?
Vuoi contattarci in riferimento ai messaggi che stai ricevendo? Vuoi rispondere pubblicamente agli utenti di MegaShouts? Manda una email a
agisci