Contro la depenalizzazione dei reati lievi
#nodepenalizzazione
Il Reach rappresenta il numero di utenti unici che potenzialmente hanno visto il nostro messaggio. Il calcolo viene effettuato sommando i follower degli utenti che hanno twittato la campagna, gli amici degli utenti che si sono connessi alla piattaforma tramite Facebook Connect, più coloro che hanno visualizzato l’adv online e coloro che hanno visto la nostra campagna grazie alle azioni di comunicazione tradizionale (cifra stimata).
Reach
@AndreaOrlandosp
IT
destinatario
Andrea Orlando
Ministro della Giustizia
L'Italia è uno Stato di Diritto, non di Illegalità - Stop al decreto legislativo per la depenalizzazione dei reati lievi!
Fai la tua parte. C'è bisogno del tuo aiuto!
agisci
Tu cosa ne pensi?
Condividi la tua opinione con gli altri supporter!
Dettagli campagna

Depenalizzare non è la soluzione al sovraffollamento delle carceri o al sovraccarico delle corti di giustizia, bensì la via per cancellare definitivamente l'idea di legalità in questo Paese. Per inculcare nelle menti l'idea che rubare, picchiare, frodare, corrompere, abusare della propria autorità, persino uccidere sia lecito, perché sancito per legge. Che si possa restare impuniti, perché basta imparare a non farsi scoprire. Quella stessa legge dovrebbe proteggere i suoi cittadini, anche e soprattutto quelli onesti. In un epoca di crisi economica, di grandi tensioni sociali e di sfiducia verso una giustizia dalle maglie già tanto larghe, depenalizzare è un pericolo, la miccia di una micidiale bomba. In un paese civile, la sicurezza è un diritto costituzionale. Depenalizzare cancellerebbe questo nostro diritto. NON FATELO!

Commenti
Sei Andrea Orlando?
Vuoi contattarci in riferimento ai messaggi che stai ricevendo? Vuoi rispondere pubblicamente agli utenti di MegaShouts? Manda una email a
Crowdfunding
Contribuisci alla promozione della campagna
Sei Andrea Orlando?
Vuoi contattarci in riferimento ai messaggi che stai ricevendo? Vuoi rispondere pubblicamente agli utenti di MegaShouts? Manda una email a
agisci